Chi siamo,  Collegio e università,  Per riflettere

“Il cammino è sempre da ricominciare”

“L’unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante.”

Così Cesare Pavese dà voce al più ancestrale tra gli impulsi umani: dare nuova vita, nuovo valore a ciò che ci circonda; in una parola, ricominciare.

Si tratta di una necessità insita nella nostra stessa natura di uomini, che ci vede costantemente tesi verso qualcosa che va oltre, in un divenire incessante e inesorabile, nel mezzo del quale viene spontaneo chiedersi da dove si cominci per ripartire davvero.

La letteratura di ogni tempo si carica di “trite parole” che fatica a sviscerare, perché di queste è pregna la vita di ogni uomo.

Quante volte avete letto la parola “ricominciare”?

La maggior parte degli autori vi fa riferimento per descrivereun bisogno intrinseco:

“E senti allora, se pure ti ripetono che puoi fermarti a mezza via o in alto mare,che non c’è sosta per noi,ma strada, ancora strada,e che il cammino è sempre da ricominciare.”

Montale scrive della vita come di

“una fiumana che non ha ripe nè sfocio

e va per sempre,

e sta infinitamente”

in cui, di continuo, siamo chiamati a riprendere il cammino, come pungolati dal bisogno di trovare “strada, ancora strada”.

Dal principio di questo anno accademico, ricominciamo a scrivere di quanto ci stimola e ci interessa, di ciò che – semplicemente – ci circonda per affrontarlo con consapevolezza, di tutto quanto ci sta a cuore, perché crediamo che questo sia il pungolo che ci spinge a cercare “strada, ancora strada”.

Anche questo, come ogni nuovo inizio, ci sembra più nostro che mai. È come se lo avessimo atteso da sempre: incalziamo il cammino entusiasti, immaginiamo quando, terminato l’anno, ci guarderemo indietro soddisfatti.

Sappiamo, tuttavia, che tra l’entusiasmo della partenza e l’appagamento del traguardo c’è tutto il resto;

ci sono la fatica e il disincanto,

ci sono le pagine bianche e i giorni senza idee,

ci sono il tempo perso e le soste che non sappiamo bene perché ci siano state.

C’è tutto questo e, per noi, va bene così.

E, per noi, la fatica, il disincanto e le pagine bianche sono il motivo per andare, ancora e ancora, per cercare l’energia, la meraviglia e i fogli traboccanti di caratteri, perché lungo il cammino troveremo entrambi.

Ma si tratta solo di non sostare, di guardare sempre la strada con il nostro sguardo migliore.

A cura di Angela Macheda ed Elena Cafagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *